Storie di calcio: saper raccontare con semplicità e passione

di Cristiano Abbadessa

Commentando qualche tempo fa il mio post di auguri al centenario Guerin Sportivo, il nostro autore Antonio Sofia ha scritto: «Sono un tifoso, di quelli potenzialmente dannosi, amo la mia Roma e tendo a considerare il complesso calcistico come necessario solo al fatto che la Roma esista». Eppure, proprio Antonio, nel suo essere scrittore di qualità, ci offre nel suo Il mare di spalle un paio di perfette sintesi di narrazione calcistica, superando la cieca passione tifosa e penetrando l’essenza di questo sport. Sono, fra l’altro, due brevi brani, due sintetiche azioni di gioco con poco altro intorno, all’apparenza diversi: nel primo assume centralità la trasposizione letteraria del gioco interpretato secondo quella che Gianni Brera definiva “la geometria euclidea” del calciatore vero, seppure amatoriale; il secondo rende onore a quell’impasto di coraggio e di fantasia quasi magica che impregna la giocata fuori dagli schemi. Ciascuno dei due è perfetto nella sua essenzialità; insieme, seppur distanti, restituiscono al lettore la natura profonda di uno sport tanto popolare e amato perché al contempo semplice e imprevedibile.
Da antico appassionato di calcio, non avrei affatto disdegnato che questo gioco trovasse maggiore spazio nella produzione letteraria della nostra casa editrice. Non è stato possibile, e non certo perché siano mancate le proposte di romanzi o racconti che ruotassero attorno al pallone, a volte ispirandosi al reale, altre volte procedendo sul rigoroso binario della finzione. Purtroppo, la qualità della narrazione non era tale da giustificare una proposta di pubblicazione. E non sempre, si badi, perché le opere erano frutto della penna di mediocri narratori: alcune storie, anzi, avevano eccellenti pagine, acutezza di sguardo sul contesto sociale, trame interessanti; a difettare, però, era proprio la resa narrativa della parte calcistica, che, costituendo uno dei nuclei centrali dell’opera, finiva per abbassare la qualità complessiva a livelli non accettabili. I difetti erano vari, ma quasi sempre riconducibili a un eccesso di dimestichezza calcistica dell’autore e alla sua incapacità di raccontare il fatto sportivo e tecnico prendendo la giusta distanza: abbiamo così trovato romanzi in cui ci si smarriva nel dettagliare il funzionamento di competizioni immaginarie esplicitandone le formule, altri in cui l’azione di gioco veniva raccontata ricorrendo a orride espressioni idiomatiche tipiche del giornalismo sportivo, oppure racconti in cui con troppa evidenza si ricalcavano episodi e personaggi reali tentandone una debole e impervia trasfigurazione letteraria.
Non è, in verità, che questi difetti appartengano solo agli aspiranti scrittori che si sono candidati ad Autodafé. Trovo che in Italia, e potrei dire in Europa, il racconto di calcio sia un genere che fatica a trovare interpreti di qualità. Esistono, sia chiaro, ottimi libri di argomento calcistico, ma o non sono opere di narrativa o hanno altrove i loro pregi principali. Per esempio, ci sono buone opere dedicate a grandi campioni o grandi squadre: ma gli autori si sono qui atteggiati a cantori epici della realtà storica, che resta comunque la base imprescindibile. Altri buoni titoli mescolano autobiografie, ricordi e grandi protagonisti dell’epopea sportiva: ma siamo ancora nel riferimento al reale e, spesso, quasi al confine del saggio sociologico. Ci sono, infine, racconti di pura finzione letteraria, anche famosi; ma anche qui, come in quelli a noi proposti, la parte debole è proprio quella in cui la narrazione cerca di rendere letteratura l’azione sul campo da gioco.
Per trovare letteratura calcistica come la intendo debbo dunque rifarmi ai soliti sudamericani, ai Soriano, ai Galeano e ai loro emuli, non tutti altrettanto grandi ma comunque capaci di mettere al centro della narrazione il gesto tecnico, seppure in apparenza riducendolo talora in forme talmente semplici da farlo apparire meno importante di quel contorno che, invece, può essere puro pretesto. In Europa, e mi viene in mente il sempre citato Nick Hornby, il contesto sociale è invece il vero protagonista e il pallone è un riferimento totemico attorno al quale danzano i protagonisti; il che, a ben vedere, potrebbe anche produrre opere perfette per la missione che Autodafé si è data, ma sempre col rammarico di questa banalizzazione o emarginazione dell’arte del narrare (non) applicata al gioco in quanto tale.
Aspetto, confortato dal piccolo (perché breve) esempio di Antonio, una penna capace di rendere con linearità visionaria quelle caratteristiche essenziali che fanno del calcio un ipotetico modello di realismo magico non troppo complesso da applicare alla narrazione letteraria. Convinto, per tornare a sfiorare un tema di cui già abbiamo discusso insieme, che la capacità di cogliere e descrivere l’essenza si traduca inevitabilmente nella capacità di raccontare in modo comprensibile, e persino affascinante, anche a chi dell’oggetto in questione è scarso cultore e “tecnicamente” ignorante.

Annunci

3 commenti

Archiviato in ambientazione, cultura, scrittori, sport

3 risposte a “Storie di calcio: saper raccontare con semplicità e passione

  1. A.

    Grazie di cuore per la citazione. La distanza tra quanto commentato qui e quanto scritto nel romanzo dà la misura di quanta distanza debba porre un autore, pur minimo quale io sono, tra la sua dimensione biografica, quel che sa o crede di essere, e la dimensione della ricerca creativa che compete in primis a quello che non sa e non riesce a dire, se non tramite il prodotto letterario in cui si impegna. In futuro ambisco a soddisfare i suoi auspici, ma il tentativo di affrontare un tema che mi vede comunque così fortemente connotato, mi richiede una forza, una maturità che al momento non credo di possedere. Già il lavoro che sto portando avanti, in cui sto affrontando tra le altre cose il tema del precariato, mi richiede un grosso sforzo. Ma pensi: sono talmente romanista che mi sembra più fattibile investigare la realtà a partire dalla mia pericolante esistenza professionale che andare a porre come contesto narrativo questo pazzesco, bellissimo sport.

  2. Paolo Gandino

    Probabilmente non è questo il luogo – e cosi’ mi scuso in anticipo per l’abuso – e questo non è un commento.

    (…) L’opaco Brevi segnava con la disinvoltura degli ignari, a ogni partita. Gol pieni d’ombra, illogici,senza necessità. Era un opportunista,si sentenziò,con una punta di disistima,e quasi di disprezzo,paragonandolo a Hamrin lo svedese,zincografo,dal passo di ladro. Il ragazzo era altrettanto minuto,con gambe magre,sterno e scapole prominenti,la testa piccola e scura,spesso china sul petto. Si muoveva poco e il suo transito, sconnesso,da un punto all’altro del campo, ricordava la nuvola schietta,che evolve concedendosi ai venti.
    In realtà non c’era niente di ignaro in Brevi. Nelle lunghe pause di assenza ciò che si svolgeva all’esterno era come riflesso in una tersa miniatura mentale,da cui erano espunte digressioni e protagonisti fino a semplificare la complessità coreografica del fenomeno in qualche figura geometrica. Era il suo piccolo talento,non ne possedeva altri: il talento della concisione e del risparmio – il senso della posizione – l’intuizione della variante più economica e fruttuosa. Apparteneva a quella classe di giocatori mentali,di testa,dal tocco disadorno,spesso defilati,maldestri nell’orlato del dribbling e dell’acrobazia, ma verso cui il gioco converge,per vie traverse,come esercitassero una segreta attrazione sul pallone. Scrupolosi agrimensori, sezionano lo spazio in porzioni e settori ma ne hanno sempre una visione panoramica e quasi astratta – là dove per gli altri il medesimo spazio è oggetto di un dominio fisico ma limitato.
    L’informe dono di Brevi poteva sfuggire all’allenatore,o al padre macellaio,non a Rubini, che aveva militato in gioventù nelle serie minori e ora lavorava come osservatore per alcune squadre di serie A. A quell’ometto tarchiato piacque proprio ciò che gli altri scambiavano per difetto: la pecca atletica aveva per compenso,ai suoi occhi, l’ubiquità selettiva di cui Brevi dava prova. Apprezzò,in particolare,all’età in cui il pallone è cinghiale e i giocatori una muta feroce,che Brevi si astenesse dalla caccia, appartato sugli invisibili raggi che si dipartivano dal mozzo infuocato di sudore,dove per un rimpallo o una fortuita deviazione s’avviava il pallone – al punto prefissato da Brevi,smarcato.
    (Tratto da ” Racconto religioso”

  3. Anche se non si tratta del mio sport preferito, porgo anch’io un illustre omaggio letterario…

    Goal

    Il portiere caduto alla difesa
    ultima vana, contro terra cela
    la faccia, a non veder l’amara luce.
    Il compagno in ginocchio che l’induce,
    con parole e con mano, a rilevarsi,
    scopre pieni di lacrime i suoi occhi.

    La folla – unita ebbrezza – par trabocchi
    nel campo. Intorno al vincitore stanno,
    al suo collo si gettano i fratelli.
    Pochi momenti come questo belli,
    a quanti l’odio consuma e l’amore,
    è dato, sotto il cielo, di vedere.

    Presso la rete inviolata il portiere
    – l’altro – è rimasto. Ma non la sua anima,
    con la persona vi è rimasto sola.
    La sua gioia si fa una capriola,
    si fa baci che manda di lontano.
    Della festa – egli dice – anch’io son parte.

    Umberto Saba.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...