7 risposte a “Agora di Autodafé. Tutte le opportunità per gli autori

  1. Un progetto impegnativo e articolato, cui naturalmente auguro un buon successo!
    Mi chiedevo se con l’espressione ” Nello spazio Sportelli aperti, pensato per offrire servizi di orientamento a titolo gratuito, è presente fra le altre la sezione Proposte editoriali …” ci si riferisca all’eliminazione del contributo per la prima lettura dei manoscritti.

    • cristiano abbadessa

      Non esiste, né è mai esistito, un “contributo” per la prima lettura dei manoscritti. Credo che la domanda faccia riferimento a tre cose ben diverse tra loro: la proposta di un’opera ad Autodafé Edizioni, la richiesta di una scheda di valutazione di proposta editoriale e la lettura/valutazione di un manoscritto (opera completa).
      A mio parere la lettura delle pagine pubblicate nelle rispettive sezioni dell’Agora evidenzia che si tratta di percorsi differenti e spiega bene quale percorso compie l’autore che ha scelto una strada. Senza bisogno di interpretazioni o retropensieri, a me pare che se si legge cosa fare per proporre una propria opera ad Autodafé non sussistano equivoci.
      Poiché, però, posso sbagliarmi, rimando a una ulteriore e più ampia spiegazione sul post che uscirà tra brevissimo.

  2. Nell’Agora, il percorso “proposte editoriali” conduce all’iscrizione, effettuata, e quindi a una scheda per presentarne una, che non è il mio caso. Probabilmente commetto qualche errore.
    La domanda, tornata di attualità dopo l’intervento in rete di un collega autore a proposito delle “famigerate” liste EAP, riguarda quanto segue (voce “manoscritti” nella vecchia home):
    “La valutazione delle proposte editoriali è un servizio editoriale, e pertanto viene svolta dietro pagamento di un contributo pari a 90 euro + Iva. Il servizio fornito prevede l’elaborazione di una scheda dell’opera nella quale saranno formulati pareri e consigli relativi alla chiarezza e qualità della presentazione, alla validità complessiva dell’opera e alla sua compatibilità con il progetto editoriale di Autodafé Edizioni.”
    Tale “contributo” preventivo, o come chiamarlo, ha comportato l’esclusione dalle editrici free. Sarei comprensibilmente lieta se Autodafé vi rientrasse.

    • Anna

      Rispondo sulla prima parte del suo intervento, ovvero quella che mi pare una questione “tecnica”, in quanto mi sto occupando della rifinitura strutturale dell’Agora. Lei dice di commettere probabilmente qualche errore, perché non riesce ad arrivare dove vuole arrivare. Il percorso da lei descritto conduce effettivamente alla scheda per le proposte editoriali ad Autodafé. Se quello “non è il suo caso”, evidentemente non è quello il percorso che deve seguire. Ma io non posso aiutarla, se non ho chiaro cosa sta cercando.
      Cordiali saluti

      • Grazie Anna, cercavo solo di rendermi conto del funzionamento e dei costi. La motivazione nasceva da quanto ho riferito nel commento precedente. Il nuovo post, che passo a leggere, farà senz’altro chiarezza.

      • Ci mancherebbe altro: se qualcosa non è chiaro è importante intervenire con i dovuti aggiustamenti.
        Siamo noi a ringraziare per il contributo: è sempre utile ricevere consigli e suggerimenti.
        🙂

    • cristiano abbadessa

      Per quanto riguarda la seconda parte del commento, mi limito a fare appunto notare che la voce Manoscritti (come del resto la voce Servizi Editoriali e altre che stiamo togliendo) non compare più nella home del sito della casa editrice.
      Tutte le interazioni (amichevoli, di discussione, commerciali, di servizio, professionali ecc ecc) avverranno ora nello spazio dell’Agora, secondo le indicazioni in esso contenute.
      A titolo personale, considero le liste eap basate su criteri assolutamente inadeguati alla realtà editoriale. E lo dico nella serena consapevolezza che Autodafé non ha mai chiesto agli autori contributi o pagamenti per la pubblicazione.
      La richiesta di un servizio editoriale, invece, prevede un pagamento (non lo chiamerei “contributo”, dunque: compro qualcosa, perciò lo pago). Ma è cosa diversa dalla presentazione di una proposta editoriale indirizzata ad Autodafé, come forse meglio spiegato nel post odierno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...