Archivi tag: autori

Gli operatori culturali, il lavoro e la Costituzione

di Cristiano Abbadessa

Durante il festival abbiamo incontrato e ascoltato scrittori, musicisti, pittori e artisti di varia specie. Quasi tutti (le eccezioni si contano davvero sulle dita di una mano) esercitano la loro arte in forma “dilettantista” (non dilettantesca), ovvero per pura passione e senza alcun significativo ritorno economico; per vivere fanno altro, e alla produzione artistica e culturale dedicano il tempo possibile, sacrificando altre libertà e, talvolta, altri doveri.
Abbiamo incontrato anche colleghi editori, gestori di locali e spazi culturali, librai, operatori della comunicazione. Per quanto possa apparire strano, anche la stragrande maggioranza di costoro fa per vivere un altro lavoro e dedica il tempo “libero” alla promozione della cultura.
I più fortunati, sia tra gli artisti e gli scrittori, sia tra coloro che in qualche modo portano avanti una piccola impresa del settore cuturale, campano facendo lavori che hanno una qualche attinenza con le loro capacità, offrendo servizi o addirittura impiegandosi in società più grandi che in qualche modo di parola, comunicazione o promozione si occupano. I più versatili, o meno fortunati, la sfangano (talora benissimo) facendo lavori che con la letteratura o l’arte non hanno nulla a che vedere, e che ne sono in alcuni casi distantissimi.

Mi viene in mente che un articolo della Costituzione, il 4, dice qualcosa al riguardo, e integralmente lo riporto.

La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.

Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.

Dunque, il lavoro è un diritto e un dovere, ma è all’ambito del dovere che attiene la facoltà di scelta del cittadino, che è personale e libera, purché concorra al progresso materiale o spirituale della società. Non si fa, in questa sede, menzione di limiti esterni alla scelta personale posti in ragione della redditività economica, giacché spetta alla Repubblica, ci dice l’articolo 4, promuovere le condizioni che rendano effettivo il diritto a un lavoro secondo inclinazione.
Credo che le opere e le performance di tanti che ho visto esibirsi durante questo festival concorrano nobilmente al progresso spirituale della società, e che potrebbero farlo in maniera tanto più significativa se gli scrittori e gli artisti potessero svolgere queste loro attività a tempo pieno. Se, insomma, venissero promosse quelle condizioni per cui chi dimostra attitudine e capacità ha il diritto/dovere di fare di queste attività un lavoro.
Ora, immagino che molti dei nostri amici scrittori, artisti, editori, librai e quant’altro siano persone serie, dotate di buone qualità anche in altri campi, e che svolgano con applicazione ed efficienza quei lavori che, remunerati, danno loro da vivere. So però per certo, conoscendo bene alcuni casi, che non sempre questi lavori concorrono al progresso materiale (sullo spirituale sorvolo) della società, quanto piuttosto al benessere e alla ricchezza del datore di lavoro.
Siamo, insomma, sempre a girare intorno alla solita questione. Perché, Costituzione alla mano, l’unica discriminante per stabilire chi di arte e letteratura ha il diritto di vivere e chi no dovrebbe essere solo l’effettiva possibilità (capacità) di contribuire attraverso l’opera al progresso della società. E sappiamo che oggi a dare la patente di artista professionista è il mercato, con gli esiti che ben conosciamo. Parafrasando una celebre battuta di Clemenceau sulla guerra, mi viene da dire che il mercato è una cosa troppo seria per lasciarlo in mano ai capitalisti e ai pubblicitari, e che qualche strumento di riequilibrio, nello spirito della Costituzione, dovrebbe essere messo in atto per dare a tutti uguali opportunità e premiare il merito (e non la potenza di fuoco dell’investimento).
Sarà perché di questi tempi sono alle prese con altri articoli disattesi (il 47, per dire, ma anche il 25 della Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo), ma sempre più mi convinco che la Costituzione sia ormai una splendida dichiarazione d’intenti che quasi più nulla ha a che fare con un paese pienamente asservito ad altre logiche, fra l’altro estranee e in aperto contrasto con lo spirito della nostra Carta. Ed è un vero peccato, per il paese stesso e, nello specifico, per quegli operatori che cercano di produrre e far circolare la cultura nelle sue varie forme.

Lascia un commento

Archiviato in cultura, governo, impresa, lavoro, sostegno

Bilanci e speranze per un buon anno nuovo

di Cristiano Abbadessa

Alla fine dell’anno si tirano le somme, si fanno i bilanci, si mettono in fila le aspettative, ci si impegna nei buoni propositi e si cerca di immaginare il futuro. È un gioco talora stucchevole, specie per quei casi in cui la fine dell’anno solare non coincide con la fine di un’annata di attività. Nel nostro caso, invece, il salto in avanti del calendario viene a cadere proprio nel momento preciso in cui bilanci e proponimenti si impongono come necessari.
Il sunto del nostro programma per il 2012 è condensato nell’ultima risposta dell’intervista pubblicata sul sito di Critica Letteraria, quando, a richiesta di indicare i nostri obiettivi per il futuro prossimo, ho indicato come il primo obiettivo urgente sia valorizzare i dodici titoli già pubblicati, aggiungendo infine che questo «È il momento di consolidare la nostra offerta. Poi penseremo a ulteriori passi in avanti».
Le urgenze del futuro derivano, come ovvio, dall’analisi di quanto avvenuto in questo anno e mezzo di vita, e in particolare negli ultimi dodici mesi. Il bilancio racconta la soddisfazione per aver trovato, e valorizzato dal punto di vista letterario, dodici opere di spessore (e non si trattava affatto di impresa scontata a priori), ma dall’altro registra il rammarico per il riscontro molto limitato del mercato.
Le scelte che abbiamo compiuto in questi ultimi tre mesi, e che sono state accolte con sorda freddezza e qualche critica esplicita, sono già un primo risultato delle constatazioni di cui sopra. Abbiamo ritenuto improponibile continuare a investire in modo ingente (e gratuito) per setacciare centinaia di proposte editoriali, avendo già costruito un catalogo di valore e avendo in lista d’attesa autori e opere di pari valore che attendono solo uno sblocco della situazione per essere pubblicati. D’altra parte, abbiamo cercato di sensibilizzare coloro che possono essere considerati nostri amici, segnalando che il problema vero, ed enorme, è quello di aver seminato molto raccogliendo quasi nulla; ma non abbiamo avuto i riscontri che ci aspettavamo.
È un dato di fatto che i nostri libri vendono poco, sono poco presenti nelle librerie e hanno poca visibilità mediatica (dando la massima estensione possibile a questo termine). I meccanismi dell’industria editoriale complicano la soluzione del problema, perché oggi non si sa neppure da che parte iniziare a districare la matassa. Voglio dire che se nella teoria apparirebbe logica una sequenza in cui si pensa a ben distribuire il prodotto, poi a promuoverlo e quindi (forse) a venderlo, il mercato attuale impone prima di essere visibili, quindi di cominciare a vendere per conto proprio e solo infine permette di approdare (in quanto “prodotto sicuro”) al luogo che dovrebbe essere deputato alla vendita. O, addirittura, bisogna prima vendere in proprio per sperare di acquisire visibilità e infine approdare al mercato canonico.
Credo di non dire nulla di scandaloso o di offensivo per alcuno se riconosco che il gruppo di Autodafé, in questo ambito, non possiede risorse, forze e professionalità sufficienti per cavarsela da solo e raggiungere gli obiettivi minimi necessari alla sopravvivenza. Nonostante un grande impegno, in tempo e spesso in denaro, di chi si è di volta in volta occupato di promozione e comunicazione (e di molti autori che generosamente hanno fatto quanto era nelle loro personali possibilità), siamo sì riusciti a creare e animare eventi interessanti e umanamente ricchi, ma non siamo riusciti a innescare un ciclo virtuoso in grado di fornire un riscontro economico. E mi sembra proprio che da soli non possiamo invertire questa tendenza.
La mia speranza per il 2012 è che da quanti ci seguono con simpatia e fiducia possa venire un contributo concreto. Non parlo qui di soldi, ma neppure di generici consigli basati sul dovreste fare o sul dovreste provare. Per carità, può essere che qualcuno possa serbare qualche idea geniale e inesplorata, ma il mio timore è che, mettendola sul piano del suggerimento disimpegnato, ci ritroviamo sommersi dalle solite banali considerazioni cui abbiamo già dato risposta: “perché non prendete un distributore nazionale?” (ci abbiamo provato, più e più volte, ma non ne vogliono sapere); “perché non vi date da fare per ottenere recensioni importanti?” (perché i grandi media neppure rispondono alle sollecitazioni e agli invii di libri); “perché non investite in una grossa campagna pubblicitaria?” (perché non abbiamo quelle decine di migliaia di euro a disposizione che sarebbero necessarie).
Immagino, sogno, che da qualcuno di voi possa venire una proposta concreta, basata sull’io posso fare, io posso provare. Che ci sia la capacità di mettere in campo forze, contatti e relazioni nuove in grado di dare uno sbocco diverso ai nostri libri, di renderli reperibili e visibili, di ritagliarsi un mercato.
Senza una partnership commerciale forte, Autodafé è destinata a rimanere una piccola casa editrice capace di scegliere e produrre titoli di qualità, ma non di venderli (o non di venderne quanto serve). Che poi si tratti di una partnership di rete o di un accordo con un soggetto forte, è tema aperto e sul quale non ci sono preclusioni.
Quel che è certo, è che senza nuova linfa e nuove strategie di mercato Autodafé è destinata ad avverare, per quanto la riguarda, la profezia dei Maya.

4 commenti

Archiviato in comunicazione, lavoro, piccoli editori, promozione

Recensioni e lavoro di squadra. E un pulpito poco credibile per lezioni di etica

 di Cristiano Abbadessa

Leggo un intervento dello scrittore e “creativo della comunicazione” Antonio Steffenoni, pubblicato a pagina 178 dell’ultimo numero del Venerdì di Repubblica. L’autore, giocando un po’ col racconto e un po’ con l’ironia, se la prende con quegli autori che recensiscono (segnatamente sul web) i libri pubblicati da altri autori della loro stessa casa editrice; lo considera un sistema furbetto e a basso costo per fare promozione, ma soprattutto una scorciatoia priva di etica (ergo “immorale”, dovremmo concludere).
Viene il sospetto, forse ingiusto, che il “creativo della comunicazione” rosichi un po’, di fronte a un sistema di promozione intuitivo e a basso costo che deprezza i preziosi consigli che fornisce per mestiere (sempre supponendo che un “creativo” dispensi costosi consigli per fare campagne con poca spesa, perché a fare campagne buttando sul tavolo carrettate di soldi son buoni tutti). Ma il vero problema, in questo caso, temo non sia il predicatore ma il pulpito.
Non c’è neppure bisogno che mi confessi reo (ma reo di che?): se andate tra le recensioni evidenziate nell’apposita pagina del nostro sito, troverete senza difficoltà alcuni autori-recensori che hanno detto la loro, sul web, sulle opere dei loro compagni di squadra. Ci sono anche altre recensioni, ovviamente, e il lettore è libero di ritenerle più credibili di quelle firmate da un autore sotto contratto con Autodafé. La recensione di un’altra opera pubblicata dal proprio editore è, specie nelle piccole realtà, un modo di fare squadra, perfettamente normale, spesso accompagnato dalla conoscenza personale e dalla stima reciproca; e peraltro in nulla dissimile dalle paginate che Repubblica, o altri giornali del gruppo, dedicano alle opere letterarie (e non solo) di loro brillanti giornalisti, spesso edite da case editrici amiche o collegate.
Fin qui potremmo dire che siamo alla pari, perché basta cliccare il nome del recensore di un romanzo, sul web, per saperne vita morte e miracoli; così come, di norma, la grande stampa evidenzia l’appartenenza di un autore recensito al proprio gruppo. O forse proprio pari no, perché comunque il piccolo editore non sollecita e non paga i suoi autori per recensire altri autori della stessa squadra: si tratta di una libera scelta, motivata da reale apprezzamento per l’opera e dalla sincera convinzione che essa meriti un po’ di visibilità (a meno che non si pretenda una forma di masochismo per cui se a un nostro autore proprio non piace un’opera di un “collega” la debba per forza recensire e stroncare). Non so se della stessa libertà godono tutti i giornalisti che, per consegna ed essendo a libro paga, recensiscono opere dei loro colleghi.
Dove però il contrasto si fa davvero stridente, è nelle recensioni “altre”. Perché se un contributo di visibilità alle nostre opere può venire anche da autori pubblicati da Autodafé, è vero però che tutte le altre recensioni sono, nel nostro caso, totalmente disinteressate, mai prezzolate o sollecitate con secondi e terzi fini. Viceversa, una recensione su un grande giornale (o radio, o tv) il più delle volte arriva solo se l’editore è un inserzionista pubblicitario; e tanto più solidi sono i legami di sponsorizzazione, tanto più ampio e frequente sarà lo spazio disponibile. Se non fai pubblicità, spazio per le recensioni non ne trovi. Magari i giornali dedicheranno qualche riga a un editore che si è inventato un’iniziativa che “fa notizia”, ma le opere resteranno mestamente confinate nell’ombra: non stroncate, o non recensite per inadeguatezza, ma semplicemente ignorate perché l’aautore non è noto e l’editore non è inserzionista.
Allora, se vogliamo parlare di etica e trasparenza, lancerei io una sfida a Repubblica e a tutte le altre grandi testate giornalistiche. Quando pubblicate una recensione (ma potrebbe valere per qualunque spazio dato a ogni tipo di azienda), diteci tutto, ma proprio tutto: chi è l’editore, quali sono i soci che partecipano al capitale, quali sono i suoi consulenti, i suoi agenti per la promozione e la distribuzione. E, soprattutto, pubblicate accanto al nome della tal casa editrice il tot che investe in pubblicità annualmente sulle testate del vostro gruppo. Così, giusto per amore di chiarezza e per rendere più trasparenti i meccanismi di scelta e selezione.
Altrimenti, per favore, risparmiate di dare spazio a certe prediche sulla presunta etica. Perché diventa forte il rischio che, più che dal pulpito di un tempio dell’informazione, sembrino provenire dalla balconata di un lupanare dove si pratica la prostituzione intellettuale.

(NB: se qualche calciofilo dubita che abbia ripreso l’ultima espressione da una celebre intemerata di José Mourinho, sappia che non ne rivendico la primogenitura, perché è ben più vecchia, ma che comunque il concetto l’avevo io stesso gia ampiamete espresso in altra sede)

2 commenti

Archiviato in comunicazione, critica letteraria, piccoli editori, promozione